Privacy Policy
Extra

Frammenti di calcio: Intervista allo YouTuber Fabio Caravello

Siamo nell’era degli YouTubers, un fenomeno che egli ultimi anni ha letteralmente spopolato sulla famosa piattaforma di Google.
Oggi vogliamo presentarvi Fabio, un ragazzo di Roma, con la passione per il calcio e , ovviamente, per la Lazio.
Fabio ha un canale, Frammenti di Calcio,  che conta più di 10.000 iscritti e nel quale affronta l’argomento del calcio in modo imparziale e molto professionale, senza però nascondere mai la sua fede calcistica.

Ecco la nostra intervista a Fabio:

Ciao Fabio come stai? Raccontaci chi sei e cosa fai nella vita
Ciao ragazzi, tutto bene grazie! Tra poco più di un mese compirò 34 anni, nella vita oltre ad essere un giornalista pubblicista, lavoro in un’azienda di Roma Capitale.

Come sta andando il tuo canale su YouTube? 
 Il canale sta andando ben oltre le mie aspettative, viaggia verso gli 11.000 iscritti e sinceramente mai avrei pensato di raggiungere questi numeri all’inizio. Mi scrivono in privato tante persone, soprattutto laziali da ogni parte del mondo e tutto questo mi sorprende e mi gratifica. 

Come nasce la tua passione per la Lazio? 
Sono laziale principalmente perchè lo è tutta la mia famiglia, inizialmente quando cominciai a “seguire” il calcio (avevo circa quattro anni), ero affascinato dal Milan degli olandesi, una squadra incredibile, ero incantato dalle treccine di Ruud Gullit, le volevo uguali, chissà cosa passa nella testa di un bambino in certi momenti…E’ durato pochissimo quel momento di titubanza, l’amore per la Lazio ha avuto la meglio, grazie anche a Beppe Signori. E’ stato lui il mio primo idolo, la prima volta che misi piede allo stadio (Lazio-Udinese 4-0) feci una bandierina di carta con su scritto “E segna sempre lui!”, siglò una doppietta. Pensare che l’estate del suo acquisto ero così scettico per la cessione di Ruben Sosa.

Vieni mai allo stadio?
Si, prima più spesso, l’ultima volta sono venuto a Lazio-Atalanta della scorsa stagione, è finita 1-1 ed è probabilmente uno di quei match del finale di stagione in cui ci siamo giocati l’accesso alla Champions League.

Che ne pensi della sessione di calciomercato che si è appena conclusa?
La scusa dell’esser riusciti a trattenere i big per me non regge, quello è il minimo se si vuole puntare a crescere stagione dopo stagione, se poi l’obiettivo è galleggiare in zona Europa League o giù di lì allora è un altro discorso. Che poi tra l’altro De Vrij l’hai perso a zero…
Il mercato della Lazio secondo me è incompleto, come recita un famoso proverbio “manca sempre un soldo per fare una lira”, in difesa al posto di De Vrij perso a zero è arrivato Acerbi e ci può stare, ma il vice Immobile? Un’altra stagione con Caicedo come unica e inadeguata alternativa? E’ stato preso Berisha che secondo me è un bel giocatore, Badelj a zero è un colpo eccezionale, Durmisi vedremo, ma coi 40 milioni incassati per Felipe Anderson si poteva fare molto di più. 15 milioni per il Papu Gomez sono stati ritenuti eccessivi e poi ne sono stati spesi 16 per Correa… Da zero a dieci dò cinque.

Quali sono stati i colpi più importanti?
Il colpo più importante è ovviamente quello fatto dalla Juve con Cristiano Ronaldo, ma pure l’operazione Caldara-Higuain del Milan, Kluivert e Cristante da parte della Roma e poi non per essere ripetitivo ma Badelj preso a parametro zero è un colpaccio, al pari di quanto ha fatto l’Inter con De Vrij. Uno che mi ha impressionato dopo questa prima giornata invece è Meite del Torino.

Un commento su Lazio – Napoli?
 Col Napoli mancavano diversi titolari, più che altro la concomitanza di assenze sulle fasce, a sinistra Lulic e a destra Patric e Lukaku, ha costretto Inzaghi a inventarsi Caceres in un ruolo non suo. A parte questo però la Lazio è passata in vantaggio e la situazione forse poteva e doveva essere gestita meglio. In fase offensiva Luis Alberto e Milinkovic non erano proprio in serata, l’ingresso di Correa non ha dato quella marcia in più che ci si aspettava e alla fine non siamo riusciti a raddrizzare il risultato. Ci può stare, ma guai a sottovalutare i segnali del campo.

E ora si va a Torino dai bianconeri…
E già! Un calendario da incubo per quanto concerne le prime due giornate ma tanto prima o poi devi incontrarle tutte. L’esordio a Torino di Cristiano Ronaldo proprio contro di noi… Per fortuna rientreranno Leiva e Lulic, non è poco!

Dove arriverà secondo te questa Lazio?
Ad oggi credo che questa Lazio nonostante tutto possa arrivare tranquillamente tra le prime sei, quinta o sesta. Per il quarto posto manca qualcosa, se poi qualcuna lì davanti dovesse steccare allora potremmo anche essere il quarto incomodo.

Segui le dinamiche della tifoseria e cosa pensi di questa storia dei volantini?
Premetto che non sono addentrato sulle attuali dinamiche della tifoseria, nei primi anni duemila seguivo di più le vicende della Curva Nord li ascoltavo in radio sugli 89.3 di Radio Flash se non ricordo male e condividevo molte scelte. Comunque aldilà della doverosa premessa credo che quei volantini fossero stati scritti con un intento diverso da quello che poi si è percepito. Qualcuno inoltre non vede l’ora di avere l’opportunità per speculare su certi argomenti però l’assist stavolta gli è stato servito su un piatto d’argento, quel comunicato è stato scritto in maniera totalmente sbagliata.

Questo è stato l’anno dell’avvento dello streaming (quello legale) nel mondo del calcio, cosa ne pensi?
Il bando l’ha pubblicato la Lega, nessun operatore poteva acquisire tutti i pacchetti. Così, le partite se le sono aggiudicate in parte Sky e in parte Dazn, ritengo una porcata la modalità di assegnazione ma per il resto i partecipanti che colpe hanno? Certo la qualità di Dazn fino ad ora ha lasciato un po’ a desiderare, vedere una partita su Sky e vederla su Dazn è come viaggiare su un’auto di lusso oppure su un’utilitaria. 

 

Vi lasciamo con un breve video di presentazione del canale YouTube di Fabio:

 

About the author

Redazione

Commenta

Clicca qui per commentare

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: