Privacy Policy
Extra

James Rushton, CEO Dazn: “I problemi dei fan al centro del nostro business. Miglioreremo”.

James Rushton, CEO di Dazn è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport, dopo i problemi riscontrati in tutta Italia durante Lazio-Napoli, prima storica partita italiana da parte dell’emittente streaming inglese. Da settimane, le pagine social di Dazn sono tempestate solo da critiche ed insulti (trovare un commento positivo è come trovare l’acqua nel deserto), spesso divertenti da leggere ma che nascondono problemi reali per chi ha sottoscritto un abbonamento con Dazn. Questo il testo integrale dell’intervista:

“Per prima cosa, diciamolo chiaramente: avendo i tifosi al centro del nostro business qualsiasi problema che impatta sull’esperienza di Dazn da parte dei fan è un problema serio e, ovviamente, ci rammarichiamo per i disagi che i tifosi hanno potuto avere. Dazn monitora la sua pila tecnologica e le relative prestazioni per il consumatore finale in tempo reale utilizzando oltre 250 punti dati individuali. Ciò significa che abbiamo avuto assoluta chiarezza delle prestazioni della piattaforma, incluso il peggioramento del servizio nei primi 20 minuti del secondo tempo di Lazio-Napoli. Considerate che le partite Dazn di Serie A di sabato e domenica sono state il più grande e il secondo più grande evento in streaming mai trasmesso in Italia. Abbiamo avuto enormi numeri di registrazioni e la nostra audience ha raggiunto il picco con 440mila dispositivi simultanei all’84’ di Sassuolo-Inter. All’inizio della ripresa di Lazio-Napoli abbiamo avuto un peggioramento della performance, relativo a un singolo Cdn (i Cdn sono reti di server per la distribuzione dei contenuti audiovisivi che gli operatori acquistano per avere una capacità aggiuntiva, ndr). Ciò ha generato il re-buffering (quando l’immagine si impalla, ndr) su tutti i tipi di dispositivi che ha impattato sul 10% di tutti gli utenti per un periodo di 20 minuti, per un totale di 52 secondi di media a utente”.

“Indipendentemente dalla colpa, la responsabilità è nostra. Il problema è stato risolto immediatamente dal nostro team di ingegneri e la causa principale è stata identificata in un singolo Cdn insufficiente a causa della gestione dei file di registro degli errori. Questo tipo di istanze del registro degli errori è relativamente comune. Pertanto, la pila tecnologica Dazn è progettata per gestire in modo intelligente tali problemi spostando gli utenti tra una miriade di Cdn e i relativi database. Sfortunatamente la fluidità di questi spostamenti non ha funzionato con questo particolare Cdn come avrebbe dovuto e di conseguenza gli utenti non sono stati trasferiti automaticamente su un altro Cdn. Abbiamo agito per rimuovere questo Cdn dalla pila tecnologica Dazn in tempo per le partite di domenica sera durante le quali la performance della piattaforma è stata molto forte. Possiamo confermare che l’errore del Cdn non ha alcuna correlazione diretta con il numero totale di visualizzazioni o con la pila tecnologica di Dazn, la capacità dei Cdn o la dorsale Internet italiana”.

“Regoliamo e ottimizziamo la qualità dell’immagine sia per il dispositivo che per il tipo di connessione dell’utente. Il problema del re-buffering ha avuto un impatto su tutti i tipi di dispositivi. I dati in nostro possesso mostrano che i dispositivi da salotto hanno ottenuto risultati significativamente migliori (come standard) rispetto ai dispositivi mobili. I nostri tre più principali dispositivi da salotto hanno registrato una velocità media di oltre 5 MBps, che ha consentito un’immagine HD di alta qualità per l’utente, con un re-buffering medio dello 0,6% (esclusi i 20 minuti del secondo tempo di Lazio-Napoli). Le prestazioni comparabili sui dispositivi mobili sono inferiori del 30% quando sono collegati a wifi e di circa il 50% in meno quando connessi a una rete cellulare. Questo livello di prestazioni dei dispositivi mobili è relativamente standard, anche se inferiore a quanto previsto. I livelli di consumo su cellulare erano senza precedenti e in parte è senza dubbio legato al fatto che si è in un periodo vacanziero in Italia. Il livello di consumo mobile rispetto ad altri dispositivi è stato cinque volte superiore al consumo standard in tutti gli altri mercati di Dazn e, per quanto riguarda lo scorso weekend, ha rappresentato il 50% di tutti i minuti trasmessi in streaming. Considerando questo, mentre sempre più persone iniziano a utilizzare Dazn sui dispositivi da salotto (PS4, Xbox One, tutte le principali smart TV, Chromecast, Apple TV, Firestick, TIM Vision e il decoder Sky Q la cui app verrà rilasciata prossimamente), i dati suggeriscono chiaramente che l’esperienza visiva migliorerà”.

“L’attuale infrastruttura italiana non è un problema per noi. In occasione del nostro picco di audience domenica sera, Dazn stava utilizzando circa il 30% della capacità che avevamo a disposizione attraverso i nostri partner Cdn e continueremo a lavorare duramente con loro per migliorare costantemente il servizio”.

About the author

Redazione

Commenta

Clicca qui per commentare

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: