Privacy Policy
Calciomercato

Joaquín Pérez Ibáñez e la Lazio. Un matrimonio che s’ha da fare

Classe 2000.

E’ un millennial (1 febbraio 2000), l’ultima scoperta del DS Igli Tare. Attaccante del River Plate U20, dalla stazza importante (184 cm), buona tecnica e fiuto del gol, è pronto a trasferirsi a Roma per effettuare un periodo di prova. L’argentino, con passaporto spagnolo e quindi molto appetibile dalle società italiane ed inglesi, è già stato provato dal Bologna, previa autorizzazione della società di Buenos Aires. Venuto all’attenzione dei Millonarios nel 2015, dopo una grande prestazione nel Superclásico con il Boca Juniors, fu convocato nella Selección Under 15 dell’Argentina. Nel 2016 è stato promosso nell’Under 16 del River Plate. Fu avvicinato anche dal Liverpool ma non andò come previsto. Liverpool, Bologna ed adesso Lazio. Che sia la volta buona per entrare nel grande calcio europeo. E dove farlo, se non in una società che stima e fa debuttare i suoi craque?

Los Millonarios.

C’è invece molta agitazione tra i fan del River Plate. Temono molto la perdita della loro giovane promessa, soprattutto se la società non dovesse ricavarne nulla. Cosa possibile, non avendo l’attaccante un contratto professionistico. Ma risulta difficile che la dirigenza del River lasci andare così un suo giocatore. Più facile un contributo minimo ed un accordo tra le parti.

Trattativa e speranze.

Autorizzato dal River Plate, l’attaccante, prossimo biancoceleste, è pronto ad approdare a Roma. Se tutto andrà bene, verrà aggregato alla Primavera di Bonacina. Ma siamo certi che gli occhi attenti di Inzaghi, Tare, Peruzzi e Bianchessi non lo molleranno un attimo. E se seguirà la tradizione Albiceleste-Lazio, ne sentiremo parlare molto presto del giovane Ibáñez. Il futuro è dalla sua. L’Olimpico lo aspetta.

About the author

Redazione

Commenta

Clicca qui per commentare

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: